Salta al contenuto principale

Le banche mettono in pratica ciò che predicano? Prestiti Brown e divulgazione ambientale nell’Eurozona

Le banche mettono in pratica ciò che predicano? Prestiti Brown e divulgazione ambientale nell’Eurozona
Banca dei regolamenti internazionali

La Banca dei regolamenti internazionali ha pubblicato il Documenti di lavoro N. 1143 del 10/11/2023 di Leonardo Gambacorta, Salvatore Polizzi, Alessio Reghezza e Enzo Scannella.

Di seguito la sintesi del documento.

Focus

La riduzione delle asimmetrie informative tra le banche e i loro stakeholder è essenziale per garantire il funzionamento dei meccanismi di disciplina di mercato che consentono agli investitori, ai depositanti e ad altri attori di monitorare le pratiche di assunzione del rischio delle banche. Nonostante i requisiti normativi, esiste ancora il rischio che le banche possano impegnarsi in una sorta di "allestimento di facciata ambientale", che implica aumentare la trasparenza ambientale nei loro rapporti finanziari senza agire effettivamente come finanziatori responsabili dal punto di vista ambientale (cioè senza mettere in pratica ciò che predicano).

Contributo

Individuiamo le pratiche ambientali delle banche confrontando un indice di divulgazione su misura, convalidato da esperti, con i dati a livello di prestito raccolti dal registro dei crediti del Sistema europeo di banche centrali (AnaCredit), le caratteristiche specifiche della banca e dell'impresa e i dati sulle emissioni di gas serra delle imprese. raccolti dal database Urgentem. Affrontiamo la potenziale endogeneità tra la divulgazione ambientale delle banche e le loro pratiche di prestito facendo affidamento su due quadri teorici concorrenti: (i) la "teoria della segnalazione", secondo la quale le banche possono utilizzare la divulgazione ambientale per segnalare il loro effettivo impegno nella lotta al cambiamento climatico e nella gestione dei rischi ambientali. in modo efficace e limitarne le conseguenze finanziarie negative; e (ii) la "teoria della gestione delle impressioni", che suggerisce che le banche possono utilizzare la divulgazione ambientale per manipolare la percezione degli stakeholder e degli investitori del loro impegno a gestire l'impatto dei rischi ambientali, indipendentemente dal loro comportamento effettivo.

Risultati

Rifiutiamo l’ipotesi della facciata ambientale. Nello specifico, un aumento di una deviazione standard dalla media dell’indice di divulgazione ambientale è associato a una riduzione dello 0,7% nel volume dei prestiti alle imprese più inquinanti. Questo risultato è in linea con la “teoria della segnalazione” e in contrasto con la “teoria della gestione delle impressioni”. Tuttavia, ciò dipende dal tono generale delle informazioni. Le banche che utilizzano un tono più negativo nei loro rapporti annuali, indicando una genuina preoccupazione per le questioni ambientali, in genere forniscono meno credito alle aziende che inquinano di più. Al contrario, le banche che utilizzano un tono positivo, che rassicura gli investitori e le parti interessate sui rischi ambientali, prestano di più alle aziende inquinanti. Pertanto, osserviamo un comportamento di facciata in quelle banche che utilizzano un tono positivo nei loro rapporti.

Abstract

Questo studio esamina se il livello di divulgazione ambientale nei rapporti finanziari delle banche corrisponde a portafogli di prestiti meno marroni. Utilizzando dati granulari del registro dei crediti e informazioni dettagliate sull’intensità delle emissioni di gas serra a livello aziendale, troviamo una relazione negativa tra la divulgazione ambientale e i prestiti marroni. Tuttavia, questo effetto dipende dal tono della relazione finanziaria. Le banche che esprimono un tono negativo, riflettendo una genuina preoccupazione e consapevolezza dei rischi ambientali, tendono a prestare meno alle aziende più inquinanti. Al contrario, le banche che esprimono un tono positivo, indicando minore preoccupazione e consapevolezza dei rischi ambientali, tendono a prestare di più alle imprese inquinanti. Questi risultati evidenziano l’importanza di aumentare la consapevolezza dei rischi ambientali, in modo che le banche li percepiscano come una minaccia urgente e critica, portando ad un impegno reale ad agire come finanziatori responsabili dal punto di vista ambientale.